Main menu

Cos'è (o dovrebbe essere) il traffico diretto

su analytics ci sono due dimensioni principali per quanto riguarda l’acquisizione: la sorgente e il mezzo. Lasciamo perdere un attimo i canali che sono di fatto una dimensione personalizzata tra i primi due.

Nelle vostre tabelle troverete, di solito sul podio, il mezzo (none) e la sorgente (direct) che assieme indicano tutto il traffico arrivato direttamente sul sito, digitando l’indirizzo nella barra del browser (o copioincollandolo) o utilizzando un bookmark. 

Cosa c’è (davvero) nel traffico diretto?

Giustificandomi a posteriori (e badate, non si fa) non mi è mai suonata realistica la percentuale di traffico diretto che vedo sui siti che seguo; in altre parole non è possibile che il 25% delle visite arrivi da persone che digitano l’indirizzo.

Chi lo scrive più l’indirizzo nel browser quando posso risparmiare ben 6/7 digit e cercare il brand su google?!

Partendo da un articolo di Paolo Ratto (qui) ho cercato di esplorare altre dimensioni di questa parte di pubblico per capire qualcosa di più.

Grazie al segmento dell’articolo di cui sopra, abbiamo individuato con l’autore quella che è la combinazione più paradossale da trovare all’interno di tutte quelle sessioni dirette.

Paradosso dei Nuovi Utenti, Diretti, su Pagine Interne

che abbrevieremo da qui in poi con NUDPI.

Seguitemi: se una sessione proviene da un nuovo utente che arriva con traffico diretto, significa che costui ha scritto l’indirizzo del nostro sito sul suo browser senza averlo mai visitato.

Poco probabile, ma possibile, ad esempio qualcuno mi sta suggerendo a voce di visitare un sito e io scrivo l’indirizzo, oppure leggo del dominio su un volantino.

A questo ci aggiungiamo la condizione della pagina interna, ovvero questa persona è atterrata su una pagina diversa dalla home page, o dalla home page di lingua.

Ecco che così l’evento è molto improbabile. Se dovessimo suppore una percentuale di questo NUDPI diremmo probabilmente qualcosa di inferiore all’1% della sorgente (direct)

Ecco alcuni dati 2015 di alcuni miei siti:

Settore % del Direct % Mobile
Web Marketing 30% 51%
E-commerce giochi 28% 41%
Hotel a Riccione 20% 51%
Meteo 36% 18%

E’ possibile che il segmento NUDPI che ho appena descritto occupi il 30% del traffico direct, e quindi un 5-10% del traffico totale?!

No, non lo è, significa che mediamente il 30% della sorgente (direct) di sicuro non è traffico diretto.

Inoltre abbiamo preso il segmento più paradossale, ma anche il solo traffico NUD, senza PI (ovvero direct, nuovi utenti) dovrebbe essere minimo, e si assesta invece su un abbondante 50% (sempre per quanto riguarda i miei dati)

Se non è diretto cos’è?

Spesso ci si riferisce a queste sessioni come Dark Social: si tratta di fatto di traffico per il quale è impossibile tracciare una sorgente, e viene quindi infilato nel traffico diretto.

Gli utenti sono davvero nuovi, e le pagine davvero interne, ma il traffico non è diretto.

Nella colonna di destra della tabella sopra trovate la percentuale mobile di questo traffico indefinito, che come vedete spesso è più alta della media del sito.

Grossa parte del dark social arriva infatti dalle app mobile (facebook e whatsapp compresi), che non portano dietro alcun cookie per permettere ad analytics di associargli una provenienza.

E udite udite, se su android usate google per fare un ricerca, tutta la serp compare nell’app google di android e solo al click sul risultato si apre il browser: anche questo traffico finirà nel diretto e non nell’organico (si, ho fatto la prova).

E la parte Desktop?

Non lo so davvero. Anzi se me lo volete spiegare vi ringrazio.

C’è sicuramente un traffico da app anche su desktop, ma non è paragonabile a quello da smartphone.

Possiamo aggiungere chi naviga senza cookie, senza javascript, chi naviga in anonimo, ma ancora non mi sembra di poter raggiungere la percentuale riportata dei dati.

Se avete qualche idea a riguardo, vi ringrazio se la scrivete nei commenti!

Risorse

Questo è il Segmento NUDPI:
https://www.google.com/analytics/web/template?uid=vc9QnIBETmqYl1FRnG4Cjg

spiego un attimo com’è fatto: la prima condizione è il traffico diretto, la seconda è che gli utenti siano nuovi, la terza è l’espressione regolare che esclude home e pagine di lingua, così strutturata:
escludi sessioni con destinazione che inizi e finisca con il solo slash ( ^\/$ ), oppure ( | ), che inizi e finisca con /index.php ( ^\/index.php$ ), oppure ( | ), che sia strutturata come slash_lingua_slash ( ^\/[^\/]*\/$ ).

Le espressioni regolari non sono immediate per chi non le maneggia spesso, vi linko qui uno strumento che vi aiuta a fare i giusti match

Questa è la dashboard NUDPI:
https://www.google.com/analytics/web/template?uid=4JqT1KaxTvOuIYow1vwQBg

le condizioni sono le stesse del segmento.

Cosa possiamo farci?

tracciare url con gli utm quando si può, per infilarli sempre nel posto giusto anche se arrivano da app.

Inoltre potremmo capirci di più da altre meta-analisi.

Perciò chi volesse lasciarmi i suoi dati con gli stessi segmenti è il benvenuto.

FacebookG+Twitter